headerphoto

MONTERUBBIANO la storia, la gente e i giorni

MONTERUBBIANO la storia, la gente e i giorni Raccolta di fotografie e testimonianze dell'epoca. ...
Leggi Tutto
Sabato 05 Settembre 2015 10:20

SIA - SISTEMA PER L'INCLUSIONE ATTIVA

In riferimento all'Avvio del Sistema per l'Inclusione Attiva, sono disponibili i seguenti documenti:...
Leggi Tutto
Venerdì 02 Settembre 2016 09:43

Lettera aperta ai Presidenti della Provincia di Ascoli Piceno e di Fermo

A quasi quattro anni dal crollo di parte del ponte sul fiume Aso, reiteratosi per un’altra porzione...
Leggi Tutto
Lunedì 22 Maggio 2017 11:00

MERCATO DELLA PENTECOSTE

AVVISO Nel quadro delle prossime FESTE PENTECOSTANE, relative alla tradizione dello SCIO’ LA PICA ...
Leggi Tutto
Martedì 23 Maggio 2017 09:43

PONTE SUL FIUME ASO

Risposta del Presidente della Provincia di Fermo alla nota del Sindaco prot. n° 2344 del 22 Maggio...
Leggi Tutto
Venerdì 26 Maggio 2017 07:12

BANDO DI SELEZIONE SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2017

Scadenza presentazione domande 26/06/2017 ore 14,00 (pena di esclusione). ...
Leggi Tutto
Giovedì 01 Giugno 2017 10:53

SCIO' LA PICA: RINGRAZIAMENTI

Un’altra Festa di Sciò la Pica con i fiocchi quanto ad organizzazione, ad eleganza, a partecipazione...
Leggi Tutto
Martedì 06 Giugno 2017 10:13

CARTOLINA MUSEO DELLE BAMBOLE

Un'altra cartolina nella dotazione del nostro Ufficio turistico che, questa volta, riguarda il ...
Leggi Tutto
Giovedì 08 Giugno 2017 08:39

INFORMAGIOVANI

Si comunica che è stata riattivata la pagina dell'Informagiovani del Comune di Monterubbiano ...
Leggi Tutto
Giovedì 08 Giugno 2017 10:05

ISPEZIONI IMPIANTI TERMICI

Le ispezioni degli impianti termici,  biennio di autocertificazione 2013/2014, inizieranno a...
Leggi Tutto
Lunedì 12 Giugno 2017 10:33

ORDINANZA N.33/2017

Istituzione del senso unico alternato dal giorno 26/06/2017, dalle 08,00 alle 18,00, escluso il...
Leggi Tutto
Giovedì 22 Giugno 2017 11:17

CINQUE PER MILLE - IRPEF 2017


Leggi Tutto
Giovedì 22 Giugno 2017 11:27

ORDINANZA N. 34

Emergenza sisma: Tratto della strada comunale sito in questo Comune via Roma, antistante la Chiesa...
Leggi Tutto
Mercoledì 05 Luglio 2017 08:03

AVVISI IMPORTANTI

PSR Marche 2014–2020 – Sottomisura 6.4. sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di...
Leggi Tutto
Giovedì 06 Luglio 2017 07:32
Processione del Venerdì Santo a Monterubbiano

17884652_1354417727974471_4065987556623182061_n

Foto di Annamaria Laneri

Nell’ambito dei riti con i quali, a Monterubbiano, il Venerdì Santo, viene celebrata da secoli la Passione di Cristo, un grande rilievo religioso, storico, socio-antropologico ed anche emotivo-estetico assume la solenne Processione del Cristo Morto, che, alle ore 21 di venerdì prossimo, come avviene puntualmente da secoli, avrà luogo per tutte le vie del Centro storico di Monterubbiano. Il buio delle vie, appena appena sfumato dalle fiaccole poste al loro margine, farà da cornice al simulacro del Cristo Morto che, deposto su un’antica preziosa Bara, elevata sopra un originale carro a ruote, detto “Trionfo”, progettato dall’illustre Architetto monterubbianese, Luca Galli, nella seconda metà dell’’800, sarà accompagnato dal coro sommesso dei fedeli in preghiera e da brani melodici di musica sacra, suonati dalla prestigiosa Banda “Cusopoli”

Ai componenti della Confraternita di Santa Maria del Suffragio, tutt’ora attiva, e che ha sede nella Chiesa dei SS Giovanni Battista ed Evangelista, è fatto obbligo, fin dal 1600, di celebrare il Venerdì Santo con solennità e di intervenire alla Processione.

CENNI STORICI SUL VENERDì SANTO A MONTERUBBIANO

 ( a cura del Sindaco M.Teresa Mircoli )

 

 


Si svolgono anche quest’anno a Monterubbiano i solenni riti secolari del Venerdì Santo. Dal 1890, ciò avviene ogni biennio, per ordine dell’allora Arcivescovo di Fermo che, almeno così viene tramandato, volle in tal modo placare le lamentele dei parroci dei paesi limitrofi. Fino a quel tempo, tali riti avevano avuto luogo ogni anno, ma lo spettacolo suggestivo degli addobbi della nostra Chiesa Collegiata, delle meditazioni, delle musiche appositamente scritte, dell’antico Crocefisso in cartapesta, schiodato e depositato sulla Bara seicentesca, del Trionfo, della Processione grandiosa attiravano tanto popolo fedele da rendere deserte le manifestazioni analoghe nelle confinanti parrocchie. Per tali ragioni ne sarebbe stata impedita a Monterubbiano la cadenza annuale.

Rimandiamo alla ricerca sviluppata da Fabrizio Fabi e dal reverendo Arciprete emerito, don Leonello Marchionni, e raccolta nel testo “Il tempo, i riti, le immagini del Cristo Morto di Monterubbiano”, Andrea Livi Editore, per l’approfondimento che merita tutta la manifestazione del Venerdì Santo a Monterubbiano.

Qui indichiamo molto sinteticamente solo alcuni elementi rispetto alla rilevanza e alla grandiosità del tutto, rappresentato in un contesto che sa del miracolo per la particolare intensità delle suggestioni che ogni volta vengono evocate.

Indichiamo, in prima istanza, il Crocifisso. E’ il simulacro del Cristo in cartapesta, con le braccia pieghevoli, che ne consentono la schiodazione. Come riferisce don Leonello, si legge nell’inventario della Confraternita di Santa Maria del Suffragio del 1601 di un “ Christo morto , in carta pista, decorato a tutto tondo, da portare in processione, in tutta la Terra ( M.Rubbiano) il Venerdì Santo “.

Indichiamo la Bara, alle cui notizie si può accedere direttamente dal verbale, redatto da Luca Galli, Priore della Confraternita di Santa Maria del Suffragio, per l’adunanza del 7 settembre 1870. Da esso è dato conoscere che, allo scopo di aumentare il decoro della Processione, per l’obbligo più stretto della Santa Gara ( con Petritoli), il Galli propone “ di far eseguire una sensibilissima variazione nella ripetuta bara coll’apporre quattro Angeli nei lati di essa che ne reggessero la copertura ove non si vedesse meglio di far loro reggere un baldacchino di lama d’argento e quindi con l’elevare la medesima Bara in un meccanismo coperto da nuvole, e fra esse un coro di 21 Angeli portanti fiaccole accese e od i segni della Passione”.

Tale meccanismo è il “Trionfo”. Anche questo è opera del Galli, un grande monterubbianese che lascia alla “Magnifica Terra” ( Monterubbiano ), tra altro, il Giardino pubblico di San Rocco e il Cemeterio monumentale. Si tratta di un carro su ruote, mosso dall’interno da otto persone e da un guidatore. L’insigne Arciprete don Marchionni così lo descrive nel testo qui citato:

“ Il trionfo è costituito da un piano di base alto due metri, sormontato da tre ordini di ripiani, sull’ultimo dei quali va ad adagiarsi la Bara issata a partire dal piano interno del carro, mediante un sistema di carrucole che lo innalza fino al punto più alto. I tre ripiani, rientranti l’uno nell’altro in modo da formare una piramide tronca e intensamente illuminati, rendono ancor più slanciata la Bara quando essa viene a trovarsi stabilmente installata all’apice della struttura. In altezza il carro, con la bara sovrapposta, arriva a misurare circa sei metri...”.

 

Newsletter

Nome:

Email:

Pagina Ufficio Cultura e Turismo Monterubbiano

 

find-us-on-facebook

 

armata di pentecoste